Capire è più difficile che tifare [Rivista madre]
Twitter   Facebook   Abbonamenti    
Rivista Madre
 
Editoriali | 18 luglio 2017  

Capire è più difficile che tifare
 
Mi sorprende, sotto l’ombrellone, ascoltare i dibattiti sempre più accesi su qualsiasi argomento.

Un tempo, sulla spiaggia, si parlava di calciomercato e ci si accapigliava per difendere la propria squadra del cuore. Si facevano pronostici e si sciorinava il medagliere dei propri campioni. Prendendosi, più o meno bonariamente, in giro. Si sfogliavano i giornali di carta, quando ancora non c’erano i tablet, combattendo con il vento che scompigliava le pagine. E si indugiava a commentare qualche fatto di cronaca. Nulla a che vedere con le risse di oggi. Che si tratti di vaccini, del piccolo Charlie, dei migranti che giungono sulle nostre coste o del salvataggio delle banche, siamo tutti pronti a esprimere giudizi e a difendere le nostre posizioni urlando a più non posso. Anche se non siamo medici, non abbiamo competenze economiche, non conosciamo i dati dei flussi migratori, non ci siamo mai trovati a fare i conti praticamente con i problemi di cui ci diciamo certi di avere la soluzione. Stiamo diventando, sempre di più, un popolo di tifosi. Tifosi non di calcio o altri sport, ma di una parte contro l’altra. Senza avere – o cercare – gli strumenti per capire ci schieriamo già a favore di una soluzione, spesso quella che più colpisce la nostra emotività più che il nostro cervello.

il seguito sulla rivista


di Annachiara Valle email 


  




 Fai girare questa notizia






 Traduci questa pagina


Translate this page with Google

 Fai un regalo speciale

Se regali un abbonamento a MADRE
a una tua amica, per te il
Grembiule realizzato per i 130 anni di MADRE
regalo
Chiamaci al Tel. 030 42132  o scrivici: abbonamenti@rivistamadre.it