L’amore? Va dimostrato [Rivista madre]
Twitter   Facebook   Abbonamenti    
Rivista Madre
 
Societa | 27 settembre 2017  

L’amore? Va dimostrato
 
Lorella Cuccarini, madre di quattro figli e moglie da 26 anni, è protagonista, nei teatri di tutta Italia, della commedia Non mi hai più detto ti amo. Qui racconta la sua “ricetta” per costruire una famiglia felice.

Fotografia

Da ottobre fino alla prossima primavera (con qualche data già la scorsa estate per rodare lo spettacolo), Lorella Cuccarini sarà impegnata nel suo tour teatrale. Sul palcoscenico è nei panni di Serena, una donna che ha dedicato la vita al marito e ai figli, ma che a causa di un imprevisto deve cambiare prospettiva e cominciare a pensare un po’ a sé stessa. Di conseguenza il marito, fino a quel momento tutto preso dal lavoro, comprende che deve tornare a occuparsi di più di lei e dei figli. Serena, protagonista della commedia Non mi hai più detto ti amo, corrisponde solo in parte a Lorella, anche lei madre (di quattro figli dai 17 ai 23 anni) e moglie (da 26 anni), ma per niente messa da parte in famiglia e al tempo stesso protagonista della sua vita, anche professionale. La commedia si concentra sul fatto che una coppia dopo tanti anni si trascura, marito e moglie si danno per scontati e non si dicono più «ti amo». Lorella, invece, ha voluto festeggiare pubblicamente l’anniversario di matrimonio con il suo Silvio Testi scrivendo sul suo profilo Instagram «ti amo continui a dirmelo anche dopo 26 anni di matrimonio». «Ho voluto giocare con il titolo dello spettacolo che sto portando in teatro insieme con Giampiero Ingrassia (già compagno di palcoscenico nel musical Grease di vent’anni fa) per dire che va bene esternare l’amore, ma occorre anche dimostrarlo in tante piccole cose, sia fra marito e moglie, che con i figli e con tutte le persone che ci sono care. Questo soggetto è talmente attuale e interessante che non escludo possa trasformarsi in un film o in una fiction». Ma come si fa a conciliare lavoro e famiglia così bene? L’attrice e ballerina risponde: «Non siamo supereroi. Veniamo sempre descritti come una famiglia speciale, ma io non penso sia così.

il seguito sulla rivista


di Silvio Magnozzi email 


  




 Fai girare questa notizia






 Traduci questa pagina


Translate this page with Google

 Fai un regalo speciale

Se regali un abbonamento a MADRE
a una tua amica, per te il
Grembiule realizzato per i 130 anni di MADRE
regalo
Chiamaci al Tel. 030 42132  o scrivici: abbonamenti@rivistamadre.it