Politica e Paese tornare a pensare [Rivista madre]
Twitter   Facebook   Abbonamenti    
Rivista Madre
 
Editoriali | 23 marzo 2018  

Politica e Paese tornare a pensare
 
Abbiamo sentito slogan e promesse. Abbiamo assistito a dibattiti tv e sulla stampa banali quanto efficaci nello spostare voti.

Fotografia

Quello che, però, sembra assente nei partiti e nei politici di oggi è un’idea di Paese che vada oltre l’immediato traguardo del risultato elettorale. Incollati allo schermo, ad ascoltare ancora i politici in cerca di Governo, sembra di trovarsi di fronte a spot pubblicitari. Come se dovessimo decidere se acquistare un’acqua minerale al posto di un’altra o un’auto sportiva di questa o quella marca. Senza il controllo, per giunta, sulla pubblicità ingannevole. Eppure in ballo c’è lo stato del Paese, il futuro delle nuove generazioni, dell’ambiente, della tenuta sociale. I nuovi politici, andati a scuola dai guru della comunicazione, del marketing, farebbero bene a tornare a pensare, a sentire la responsabilità di una nazione che fa sempre più fatica ad andare avanti.
Un tempo c’erano le scuole di politica, le palestre dei partiti. C’era lo studio. Oggi, questa cosiddetta “terza Repubblica dei cittadini” sembra farsi vanto dell’inesperienza e dell’approssimazione. Alla fiera delle illusioni abbiamo comprato attico con piscina da chi non ha fatto neppure i primi esami per diventare architetto.

Il seguito sulla rivista


di Annachiara Valle email 


  




 Fai girare questa notizia






 Traduci questa pagina


Translate this page with Google

 Fai un regalo speciale

Se regali un abbonamento a MADRE
a una tua amica, per te il
Grembiule realizzato per i 130 anni di MADRE
regalo
Chiamaci al Tel. 030 42132  o scrivici: abbonamenti@rivistamadre.it