Giovanni il pastore errante [Rivista madre]
Twitter   Facebook   Abbonamenti    
Rivista Madre
 
News | 24 maggio 2018  

Giovanni il pastore errante
 
Ventitré anni, Giovanni a ogni inizio estate ripete un rito arcaico: l’avvio della transumanza degli ovini, dalla assolata pianura lombarda di Settala, alle porte di Milano, dove hanno svernato, ai verdi pascoli di Valcanale, piccola diramazione della Val Seriana, dove, seguendo sentieri tracciati nei secoli dall'uomo, Giovanni resterà a sorvegliare 700 pecore fino a metà settembre.

Fotografia

«Dura è la vita del pastore», scriveva in Gente d’Aspromonte Corrado Alvaro, e Giovanni lo conferma: dura e frugale, fatta di fatica e solitudine, richiede una grande forza psichica e fisica per sopportare le frequenti avverse condizioni atmosferiche, e di certo non esistono domeniche o feste comandate. Ma questa è la scelta di Giovanni e della sua famiglia, gente che lavora con passione, che esiste e resiste, anche se il mondo intorno cambia a ritmi vertiginosi, anche se la crisi e gli alti costi di affitto dei pascoli hanno fatto scendere drasticamente i profitti.
Vedere questo ragazzo, che vive a stretto contatto con i suoi animali trasmette una quiete indescrivibile. Lui non sta semplicemente sorvegliando le pecore, ma le osserva, le ascolta, e vive con loro in ogni condizione atmosferica. Vigila sul gregge e di rimando il gregge vive in pace perché lui è lì. Un equilibrio primordiale, legato al fatto che bisogna prendersi cura del mondo intorno a sé e degli altri esseri viventi, per preservare e condividere questa terra meravigliosa.

il seguito sulla rivista



di Vittorio Giannella email 


  




 Fai girare questa notizia






 Traduci questa pagina


Translate this page with Google

 Fai un regalo speciale

Se regali un abbonamento a MADRE
a una tua amica, per te il
Grembiule realizzato per i 130 anni di MADRE
regalo
Chiamaci al Tel. 030 42132  o scrivici: abbonamenti@rivistamadre.it