Governo quale programma? [Rivista madre]
Twitter   Facebook   Abbonamenti    
Rivista Madre
 
Societa | 25 giugno 2018  

Governo quale programma?
 
L’esecutivo guidato da Giuseppe Conte si appresta a mettere in pratica i contenuti del “contratto” (noi preferiamo chiamarlo accordo) siglato da Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Ecco i punti principali.

Fotografia

Di «contratto di Governo», nella Costituzione, non si parla. Per questo, quando lo citiamo, preferiamo metterlo tra virgolette. E non è solo questione di segni. «La forma è sostanza», diceva qualcuno e, dunque, chi guida le sorti del nostro Paese deve farlo nella «forma» indicata dalla nostra Carta fondamentale. Studiata appositamente per evitare, a un’Italia uscita da un ventennio di dittatura e da una guerra, di poter ricadere negli stessi errori del passato. La sostanza, dunque, (che significa democrazia, convivenza basata sulla solidarietà, sulla giustizia sociale, sull’impegno della Repubblica a rimuovere gli ostacoli di qualunque genere che possano impedire l’effettiva uguaglianza dei cittadini) può essere preservata se si rispettano ruoli e leggi, se il presidente del Consiglio non chiede al sottosegretario in pieno discorso in aula «questo lo posso leggere?», perché lui non è il mero esecutore di un contratto stipulato da un notaio, ma, secondo l’articolo 95 della Costituzione, è colui che «dirige la politica generale del Governo e ne è il responsabile. Mantiene l’unità di indirizzo politico e amministrativo, promuovendo e coordinando l’attività dei Ministri». Non domanda, dunque, a un suo sottosegretario se un passaggio deve o non deve leggerlo, avendo capacità intellettive, competenze e ruolo per decidere da sé. In ogni caso, sperando che Giuseppe Conte rispolveri i suoi studi di diritto e svolga l’incarico secondo la legge, vediamo nel dettaglio alcuni dei punti più significativi del programma di Governo messo a punto da Lega e Movimento 5 stelle. Nelle 58 pagine del testo, diviso in 30 paragrafi, sono contenute molte cose di buon senso sulle quali non si può che essere d’accordo. A cominciare dall’acqua pubblica, per esempio.

il seguito sulla rivista


di Annachiara Valle email 


  




 Fai girare questa notizia






 Traduci questa pagina


Translate this page with Google

 Fai un regalo speciale

Se regali un abbonamento a MADRE
a una tua amica, per te il
Grembiule realizzato per i 130 anni di MADRE
regalo
Chiamaci al Tel. 030 42132  o scrivici: abbonamenti@rivistamadre.it