Zero alcol in dolce attesa [Rivista madre]
Twitter   Facebook   Abbonamenti    
Rivista Madre
 
Societa | 22 ottobre 2018  

Zero alcol in dolce attesa
 
Danni al cuore, al cervello, alle ossa. Alzare il gomito in gravidanza fa male al nascituro. Per informare e fare prevenzione è nata una nuova associazione. Che sta accanto alle mamme e ai bambini.

Fotografia
Thinkstock

Ci sono malattie che generano vergogna. Non se ne parla e in qualche modo così è come se non esistessero. Invece i bambini e gli adulti colpiti dal disordine dello spettro feto alcolico esistono. L’Italia è fra i cinque Paesi al mondo più a rischio. Il dato non dovrebbe stupire. Soprattutto chi, almeno una volta, ha sentito dire a una donna incinta la frase assolutoria: «Un goccetto di vino, che sarà mai!». Nel nostro Paese, l’argomento è tuttora trattato con un atteggiamento ambivalente. Da una parte, lassismo e ignoranza concedono alla futura mamma di assumere alcol anche in gravidanza. Dall’altra, parlare dei disturbi generati sul feto proprio dall’esposizione a sostanze alcoliche è quasi un tabù.
Secondo la letteratura scientifica, non esistono evidenze sul minimo quantitativo di alcol che una donna può assumere durante i nove mesi di gestazione senza comportare danni al nascituro. La prescrizione, quindi, in base alle linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità, è di non toccare, fin dal concepimento, nemmeno una goccia del liquido che “fa buon sangue”. Anzi, per allontanare i rischi sarebbe buona pratica evitare l’alcol fin da quando si cerca di rimanere incinte.
Nasce l’associazione contro l’alcol in gravidanza
Per diffondere il messaggio «zero alcol in gravidanza» lo scorso settembre è nata l’Associazione italiana disordini da esposizione fetale ad alcol e droghe (Aidefad), presieduta da Claudio Diaz.

il seguito sulla rivista


di Elisabetta Gramolini email 


  




 Fai girare questa notizia






 Traduci questa pagina


Translate this page with Google

 Fai un regalo speciale

Se regali un abbonamento a MADRE
a una tua amica, per te il
Grembiule realizzato per i 130 anni di MADRE
regalo
Chiamaci al Tel. 030 42132  o scrivici: abbonamenti@rivistamadre.it