Informazione senza pregiudizi [Rivista madre]
Twitter   Facebook   Abbonamenti    
Rivista Madre
 
Societa

Informazione senza pregiudizi
 
La conduttrice Francesca Fialdini, che ha anche presentato lo Zecchino d’oro, lavora in tivù a La vita in diretta e racconta molte storie che toccano il cuore. Come quella di...

Fotografia

Francesca Fialdini ricorda bene quando nonna Giannina, che ora ha 91 anni, la vedeva canticchiare le canzoni che aveva appena ascoltato allo Zecchino d’oro. «Io le indicavo il televisore e le dicevo che un giorno sarei andata lì dentro e da lì le avrei raccontato il mondo», racconta la conduttrice. «Lei mi prendeva in giro, ma poi quando è successo davvero, quando mi ha visto per la prima volta in tv, si è commossa. Lei è stata ed è la mia più grande fan». Reduce proprio dalla presentazione della 61ª edizione dello Zecchino d’oro, Fialdini prosegue, insieme con Tiberio Timperi, tutti i pomeriggi su Rai 1 La vita in diretta, rotocalco a cui è approdata da due edizioni dopo aver lavorato a Uno mattina.
Cosa ti colpisce di più dei bambini che partecipano allo Zecchino d’oro?
«La loro spontaneità e immediatezza. C’è molto da imparare da loro. E poi il bello dello Zecchino è che non sono i bambini a gareggiare, ma solo le loro canzoni. Anche per questo all’Antoniano si respira quell’aria di festa e serenità propria dell’infanzia».
Com’è nata la tua passione per il canto?
«Ho sempre amato cantare. Ho seguito lo Zecchino fino a quando avevo 16 anni, collezionando gli album e imparando le canzoni. Due in particolare, Mille voci una voce e Canzone amica, le cantavo sempre, insieme con mia mamma. Ancora oggi canto a casa, in auto, perfino in camerino! Per me è il modo migliore per liberare la mente e rilassarsi».
Come è stato il passaggio da Uno mattina a La vita in diretta?
«Uno mattina è stata una vera e propria palestra che si è rivelata utile anche per La vita in diretta. La situazione qui è diversa. Gli orari permettono una gestione del tempo più serena, ma si tratta pur sempre di un programma quotidiano in cui vengono affrontati tanti temi, dai più complessi ai più leggeri, e non ci si può permettere di abbassare la guardia».

il seguito sulla rivista


di Katia Del Savio email 






 Fai girare questa notizia






 Traduci questa pagina


Translate this page with Google

 Fai un regalo speciale

Se regali un abbonamento a MADRE
a una tua amica, per te il
Grembiule realizzato per i 130 anni di MADRE
regalo
Chiamaci al Tel. 030 42132  o scrivici: abbonamenti@rivistamadre.it