I nostri figli giù dal piedistallo! [Rivista madre]
Twitter   Facebook   Abbonamenti    
Rivista Madre
 
Societa

I nostri figli giù dal piedistallo!
 
Educarli, si sa, non è facile. Nel saggio Il bambino capovolto lo psicologo Giampaolo Nicolais dà qualche dritta per non sbagliare. A cominciare dal rispetto dei ruoli.

Fotografia
Getty images

Oggi virtù è una parola che fa spavento. Evoca uno scenario inarrivabile, incompatibile con la materialità dei tempi. «È arduo maneggiare la parolina virtù», scrive Giampaolo Nicolais, psicologo e docente di psicologia dello sviluppo all’Università La Sapienza di Roma, nel suo libro Il bambino capovolto, edito da San Paolo. «Educare alle virtù», spiega nel saggio, «è la migliore occasione che un genitore possa avere per sapere esattamente qual è il suo posto e la sua funzione: non appropriandosi del bambino, mostrandogli con la presenza e con l’esempio che i valori morali universali che ci rendono davvero umani sono desiderabili». L’autore cita i racconti Piccole virtù, in cui la scrittrice Natalia Ginzburg prediligeva l’insegnamento delle grandi, come il coraggio o l’amore per il prossimo, alle piccole, come il desiderio di successo o l’astuzia, certamente secondarie. «L’educazione alla virtù si pratica sempre meno», constata Nicolais, «perché l’attenzione spasmodica alla protezione dei figli dai pericoli intravisti dal genitore conduce a educare il bambino a essere scaltro e a procurarsi delle posizioni di vantaggio in una competizione serrata.

il seguito sulla rivista


di Elisabetta Gramolini email 






 Fai girare questa notizia






 Traduci questa pagina


Translate this page with Google

 Fai un regalo speciale

Se regali un abbonamento a MADRE
a una tua amica, per te il
Grembiule realizzato per i 130 anni di MADRE
regalo
Chiamaci al Tel. 030 42132  o scrivici: abbonamenti@rivistamadre.it