A prova di social [Rivista madre]
Twitter   Facebook   Abbonamenti    
Rivista Madre
 
Famiglia

A prova di social
 
Il mondo virtuale offre ai ragazzi opportunità e nasconde anche molte insidie. Ma è possibile fare prevenzione? Ne parliamo con Ivano Zoppi, presidente della cooperativa sociale Pepita onlus.

Fotografia
Getty Images

Su ThisCrush si ricevono messaggi anonimi. In Fortnite tutti sono contro tutti e la violenza è pane quotidiano. E poi Zepeto, un The Sims degli anni 2010, TikTok per girare piccoli video musicali amatoriali… Parole strane e sconosciute alla maggior parte dei genitori e che, invece, sono la vita degli adolescenti. Per i nativi digitali i social network sono la realtà, eppure mamma e papà sembrano non curarsi troppo degli ambienti virtuali che i figli frequentano. Ma è importante non sottovalutarli, perché le insidie sono dietro l’angolo. Ivano Zoppi, presidente di Pepita onlus, sa bene di cosa si parla: la sua cooperativa sociale mette a disposizione educatori per guidare famiglie e scuole nel labirinto virtuale della rete e in quello del bullismo. E per lui la soluzione è solo una: lo scambio continuo tra adulti e ragazzi.
Signor Zoppi, i genitori sono consapevoli di ciò che i figli vedono su internet, di dove navigano, di cosa trovano?
«No, di nulla. Diamo in mano ai ragazzi uno strumento che è potentissimo, una Ferrari, che fa cose meravigliose e va velocissima, ma non diamo indicazioni sulle regole, sui cartelli stradali. Da un lato c’è grande disinibizione nel dare il mezzo e dall’altro inconsapevolezza di ciò che si può fare con quello strumento. I genitori conoscono poco le app, e non parlo di Whatsapp e Instagram».
Tipo?
«Zepeto, un social che ricorda Second life, oppure ThisCrush. Secondo un dato che abbiamo raccolto, il 75 per cento dei genitori non ha la più pallida idea di cosa facciano i figli online. Prendiamo il fenomeno Fortnite: mio figlio mi dice che ce l’hanno tutti, come faccio a impedirgli di giocarci? Poi però non controllo nemmeno cosa sia. Non dico che si debba vietarlo, ma servono regole».

il seguito sulla rivista


di Sara Polotti email 






 Fai girare questa notizia






 Traduci questa pagina


Translate this page with Google

 Fai un regalo speciale

Se regali un abbonamento a MADRE
a una tua amica, per te il
Grembiule realizzato per i 130 anni di MADRE
regalo
Chiamaci al Tel. 030 42132  o scrivici: abbonamenti@rivistamadre.it