Tributo al maestro Verrocchio [Rivista madre]
Twitter   Facebook   Abbonamenti    
Rivista Madre
 
In mostra

Tributo al maestro Verrocchio
 
In quest’anno dedicato alle celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo, finalmente la prima grande retrospettiva dedicata al suo maestro, Andrea del Verrocchio, vissuto tra il 1435 e il 1488.

Fotografia

Architetto, orafo, pittore, scultore, fu un artista emblematico del Rinascimento. Studiava e trasformava con il suo ingegno ogni forma d’arte, sperimentando tecniche e materiali diversi: dalla scultura in marmo e in bronzo al disegno, nel quale era maestro, e che tanto influenzò Leonardo. Nella sua bottega fiorentina si formarono alcuni dei maggiori artisti del tempo: oltre a Leonardo, Perugino, Ghirlandaio, Signorelli e altri. Fu protagonista di un momento storico, magico e irripetibile, che viene raccontato dalle 120 opere arrivate da tutto il mondo a Firenze, a Palazzo Strozzi e al museo del Bargello, per la mostra Verrocchio, il maestro di Leonardo, fino al 14 luglio. Tra le sculture, la Dama col mazzolino e il David del 1472, celebrato anche da Donatello trent’anni prima, che però Verrocchio volle diverso: la snella figura dell’eroe biblico non più nuda, ma abbigliata come un paggio adolescente dalla bellezza androgina. In Putto col delfino, la naturalezza del soggetto infantile riesplode con una vivacità mai vista prima. Più tardi, a 28 anni, Verrocchio diventò anche pittore, dipingendo, tra le altre opere, anche L’arcangelo Gabriele e Tobiolo, Madonna col Bambino e due angeli (detta Madonna di Volterra) e Madonna col Bambino.

il seguito sulla rivista


di Tina Lepri email 






 Fai girare questa notizia






 Traduci questa pagina


Translate this page with Google

 Fai un regalo speciale

Se regali un abbonamento a MADRE
a una tua amica, per te il
Grembiule realizzato per i 130 anni di MADRE
regalo
Chiamaci al Tel. 030 42132  o scrivici: abbonamenti@rivistamadre.it