Una freccia a cavallo che porta pace [Rivista madre]
Twitter   Facebook   Abbonamenti    
Rivista Madre
 
Primo piano

Una freccia a cavallo che porta pace
 
La missione di speranza di Paola Giacomini che, con i suoi due cavalli, dalla Mongolia giungerà a Cracovia.

C’è una giovane donna, Paola Giacomini, che con i suoi due cavalli, Custode e Tgegheré, sta attraversando la Russia europea centrale per raggiungere la Polonia. L’impresa straordinaria, che può essere seguita sul sito www.sellarepartire.it, fa parte del progetto della torinese quarantenne: Mare d’erba. Lei aveva vent’anni quando ha capito che lo scopo principale della sua vita era quello di andare a cavallo in alta quota «per non vivere la quotidianità in modo scontato, senza cogliere il succo dell’esistenza». Spinta da questo desiderio, ha iniziato a percorrere sentieri alpini poco praticati che le hanno permesso, nel silenzio e nel contatto con la natura, di avvertire dimensioni profonde che la città non rivela e di incontrare persone, quasi dimenticate, con cui stabilire relazioni di amicizia, che l’hanno umanamente arricchita. Da allora con Isotta Raminga, la sua prima cavalla arabo-avelignese, saura, alla quale è unita da una forte empatia, ha compiuto diversi viaggi: da quello a Santiago di Compostela a quello in Slovenia fino a quello sulle Alpi Marittime, lungo i Sentieri dei lupi, come l’omonimo libro che ne racconta i passi. Due anni fa è riuscita a realizzare un sogno a lungo coltivato: andare in Mongolia per incontrare i cavalli selvaggi. «Il loro nome è Takhi, che significa Spirito, l’Inafferrabile, la Libertà», spiega. «Sono ritenuti divini. Sentivo per loro una forte attrazione, mi riportavano ai tempi preistorici, a valori e significati che sentivo di dover riscoprire». Per alcuni mesi ha condiviso la vita della popolazione mongola negli avamposti della steppa e maturato il progetto Mare d’erba: un viaggio attraverso l’Europa, dall’antica capitale mongola Kharkhorin a Cracovia, passando attraverso la Siberia e le pianure dei grandi fiumi della Russia.

il seguito sulla rivista


di Mariapia Bonanate email 






 Fai girare questa notizia






 Traduci questa pagina


Translate this page with Google

 Fai un regalo speciale

Se regali un abbonamento a MADRE
a una tua amica, per te il
Grembiule realizzato per i 130 anni di MADRE
regalo
Chiamaci al Tel. 030 42132  o scrivici: abbonamenti@rivistamadre.it