L’orgoglio del fare le cose insieme [Rivista madre]
Twitter   Facebook   Abbonamenti    
Rivista Madre
 
Le parole che non ti ho detto

L’orgoglio del fare le cose insieme
 
Una legge quadro per amministrare i beni comuni. E la tenacia di una donna, Marta Leonori, che ha lavorato nell’interesse di tutti.

«È la mia prima legge e sono orgogliosa che sia su un tema così importante», mi scrive sulla chat la consigliera regionale del Lazio, che ha visto coronato da pochi minuti il suo obiettivo: l’approvazione della prima legge regionale quadro per la Promozione dell’amministrazione condivisa dei beni comuni.
In quattro mesi di lavoro – appunto – condivisi, la giovane Marta Leonori ha messo insieme maggioranza e opposizione, critici ed entusiasti, diffidenti e convinti. Non senza difficoltà e qualche critica, ha tessuto una tela che di questi tempi definire miracolosa è forse poco. Con l’entusiasmo della giovane età, con la capacità di ascolto, la pazienza di chi sa che il compito del politico non può e non deve essere sfasciare ma, tutt’altro, costruire. E mi ha colpito proprio quella parola che viene usata di solito in altri campi, ben più apprezzati dall’opinione pubblica (lo sport, l’arte, l’economia...): sono «orgogliosa», scrive. Ossia quasi m’identifico, per intero, nell’oggetto della mia fierezza, lo faccio mio in pieno, non solo come risultato di un’azione scontata. Perché l’innovazione portata avanti con l’idea dell’amministrazione condivisa dei beni comuni sta proprio nel modo diverso di pensare la politica, di pensarla da giovane, e – mi sia consentito – di pensarla da donna. E mi spiego: i conflitti esistono, e a volte per la democrazia fanno anche bene. Ma poi quando si tratta di gestire una scuola nelle ore pomeridiane, un giardino, una casa comunale abbandonata, un qualsiasi spazio pubblico della comunità, ecco, in questi come in altri mille e mille casi sparsi sul territorio, si scoprono energie che solo la pazienza della cura e l’accortezza di chi sa smussare gli spigoli e valorizzarne le potenzialità non fanno disperdere.

il seguito sulla rivista


di Vittorio Sammarco email 






 Fai girare questa notizia






 Traduci questa pagina


Translate this page with Google

 Fai un regalo speciale

Se regali un abbonamento a MADRE
a una tua amica, per te il
Grembiule realizzato per i 130 anni di MADRE
regalo
Chiamaci al Tel. 030 42132  o scrivici: abbonamenti@rivistamadre.it