L’Italia alla prova [Rivista madre]
Twitter   Facebook   Abbonamenti    
Rivista Madre
 
Attualità

L’Italia alla prova
 
Meno tasse per i redditi bassi, lotta all’evasione fiscale, investimenti green, rinnovo dei contratti nel pubblico impiego, ricostruzione delle zone terremotate. Su questo punta il nuovo Governo, che ha stilato un programma in linea con l’Europa. Buoni propositi che speriamo non vengano traditi dai fatti.

Fotografia
Getty Images
Fotografia

«Il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, a seguito di accertati condizionamenti da parte delle locali organizzazioni criminali, a norma degli articoli 143 e 146 del Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali (decreto legislativo 18 agosto 2000, numero 267), ha deliberato lo scioglimento per diciotto mesi dell’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro e il contestuale affidamento dell’amministrazione dell’ente a una commissione di gestione straordinaria. Inoltre, su proposta dello stesso ministro, in considerazione della necessità di completare l’azione di ripristino dei principi di legalità all’interno dell’amministrazione comunale, il Consiglio dei ministri ha deliberato la proroga per sei mesi del provvedimento di scioglimento del Consiglio comunale di Trecastagni (Catanzaro)». Eccolo il primo provvedimento del nuovo Governo al suo primo Consiglio dei ministri lo scorso 10 settembre. Senza urla e senza proclami il nuovo ministro dell’Interno, già prefetto a Milano, ha cominciato a mettere le mani sui veri problemi del nostro Paese: corruzione, criminalità, mancato rispetto delle regole. Non sappiamo se e quanto durerà il Conte bis. Registriamo, però, almeno fino al momento in cui andiamo in stampa, un deciso cambio di passo. Alle consuete dirette facebook sui migranti – che nei fatti hanno aumentato l’odio razziale – si stanno sostituendo azioni concrete. Forse impopolari, perché tutti sappiamo cosa significa, anche in termini di ritorno elettorale, toccare il tema della sanità in regioni come la Calabria o dare soluzione all’odissea degli 82 naufraghi a bordo della Ocean Viking. Nessuna dichiarazione sui social, da parte della Lamorgese, sul tema migranti, e tanto lavoro, anche insieme ai Paesi dell’Unione europea e al Governo di Malta.

il seguito sulla rivista


di Antonio Dell'Anna email 






 Fai girare questa notizia






 Traduci questa pagina


Translate this page with Google

 Fai un regalo speciale

Se regali un abbonamento a MADRE
a una tua amica, per te il
Grembiule realizzato per i 130 anni di MADRE
regalo
Chiamaci al Tel. 030 42132  o scrivici: abbonamenti@rivistamadre.it